venerdì 17 agosto 2012

#Italy & #OperationGreenRights svela infrazione dei limiti di emissione di sostanze da parte dell' Ilva Taranto




#Italy & #OperationgreenRights  proseguono il loro lavoro di indagine sui dati degli inquinanti  contenuti nei dump dei database ILVA e del Gruppo RIVA.

L'intento di Anonymous è e sarà sempre quello di rimanere a servizio dell'informazione, offrendo dati in stile wikileaks, non dare adito a   polemiche. Anonymous ha poche regole, la principale è favorire sempre l'informazione e MAI attaccare siti di informazione, blog, social network.

Le Tabelle degli inquinanti non sono a volte di facile lettura, a volte non si riesce a capire quale sia la reale entità delle emissioni, ma una cosa è certa, vi sono dei Valori Limite che non possono essere superati.
Un'altra  certezza è che questi valori sono fissati per legge. Le industrie che  emettono quantità di inquinanti superiore ai limiti di legge mettono a  repentaglio la vita di propri dipendenti e dei cittadini che risiedano  nelle città che ospitano le industrie in questione. Chiaramente essendo i  limiti degli inquinanti fissati per legge questi non possono in alcun modo essere arbitrariamente cambiati. Una delle sostanze più nocive emesse sono i furfurani.

I furfurani sono dei contaminanti ambientali persistenti di tipo organico che decadono  naturalmente in benzofurani policlurati, i quali son associabili alle  diossine. Già naturalmente, il furfurano è volatile a temperatura  ambiente e le concentrazioni rilevate sono comparabili a quelle di un  disastro ambientale. L’azione del furfurano non è solo cancerogena: la  sola concentrazione del prodotto volatile basta ad incrementare di una  considerevole percentuale il manifestarsi  di malattie pneumologiche croniche, disordini immunologici atipici o  persino malattie neoplastiche, ma è anche teratogena, ovvero causa  problemi fetali.

Le tabelle ILVA con le serie di valori relativa agli inquinanti riportano i valori limite,e questi non possono essere superati. Chiarito ciò riportiamo la seguente tabella dal database di ILVA (ilvataranto.com): http://pastebin.com/RrcF5RqW

La tabella mostra la prima rilevazione il giorno 15 Maggio 2012 ed il valore massimo è fissato a 640 ng/m3.  I valori crescono fino al 31 Maggio mantenedosi però al di sotto della  soglia critica. Il 31 Maggio il valore massimo degli inquinanti viene innalzato a 800 ng/m3.  Quì sorge la prima domanda : Come è possibile che un valore limite  fissato per legge possa essere arbitrariamente cambiato ? . Non ci  risulta che la legge riguardo al limite massimo di emissione di furfurano (CK2SO2)  sia stata modificata in prossimità del 31 Maggio, dunque ci pare che  l'innalzamento del valore massimo di  inquinanti sia un'atto illegale.  Continuando a scorrere la lista noteremo che il 31 di Maggio 2012 , quando il limite massimo di furfurano rilasciabile era già stato portato arbitrariamente a 800 ng/m3, il valore dell'inquinate supera i 640 ng/m3. 
Possiamo quindi concludere che se il limite massimo di 640 ng/m3 non fosse stato illegalmente innalzato il 31 Maggio 2012,  la tabella avrebbe mostrato emissioni furfuranee superiori alla soglia massima consentita dalla legge.
L'llva, quindi, ha  falsificato i dati dei rilevamenti ambientali cercando di "legalizzare" le prorpie emissioni.

Quindi in ultima analisti in realtà ILVA ha emesso emissioni di furfurano oltre i limiti di legge.

I  limiti di legge sono stabiliti dalla Legge Regionale della Puglia del  19 Dicembre 2008 (firmata Vendola) la quale riporta, per quanto ci  interessa, i limiti dei gas di scarico (somma di PCDD e PCDF 0,4 nano-
grammi  TEQ su metro cubo (ng TEQ/Nm3), soglia limite in vigore dal 31 dicembre  2010). Per quanto riguarda i fattori di equivalenza per le dibenzodiossine e i dibenzofurani la concentrazione TEQ va calcolata
mediante  i fattori di equivalenza tossica riportati al punto 4 dell’allegato 1  del decreto legislativo 11 maggio 2005, n. 133 (Diossine e furani (PCDD +  PCDF) 0,1 ng/m3, idrocarburi policiclici aromatici (IPA)  0,01 mg/m3)

Da qui è possibile scaricare in formato .pdf l'allegato n.1 del Decreto legislativo 11 Maggio 2005, n. 133 riguardante le emissioni:  http://www.camera.it/parlam/leggi/deleghe/05133dl.pdf

(*)  I valori limite di emissione si riferiscono alla concentrazione totale  di diossine e furani, calcolata come concentrazione "tossica  equivalente. Nel link riportato ci sono tutti i valori limite delle  singole sostanze prima della somma.


We are Anonymous 
We are a Legion 
We do not forgive
We do not forget
Expect us

37 commenti:

  1. continuate cosi!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Non finirò mai di complimentarvi per ciò che fate. United as one, divided by zero. Possiamo tutti insieme cambiare la sorte di questo schifo.

    RispondiElimina
  3. Sempre e ancora GRAZIE!!!

    RispondiElimina
  4. ragazzi bellissima iniziativa!
    in Italia c'è però un caso ancora più inquietante dell'ILVA, ovvero il polo petrolchimico di augusta;sarebbe stupendo se ci aiutaste a conoscere la verità sui dati dell'inquinamento ambientale prodotto a Siracusa da questa fabbrica di morte...

    RispondiElimina
  5. ragazzi siete i migliori viva anonymous

    RispondiElimina
  6. Anche ammesso che i dati siano realmente relativi all'ILVA...cosa dovremmo leggerci?
    1) Gruppi di dati SENZA uno straccio di UNITÀ DI MISURA.
    2) Su quale base temporale sono prese le misure? Un'ora? Un minuto? Un giorno?
    3) Serie di misure prese lo stesso giorno alla stessa ora? Che significa?
    4) Perchè vengono riportati solo alcuni giorni? E perchè alcuni giorni hanno una manciata di misure e altri una lunga serie?
    5) DOVE SAREBBE il "famigerato" Furfurano (o Furano: C4H4O)? Io leggo solo i classici residui della combustione NO2 (biossido di azoto) e SO2 (anidride solforosa), per intenderci prodotti che fuori escono anche dalla vostra caldaia di casa... Valori misurati probabilemente in diversi punti (CK1, CK2,...) di prelievo.
    6) La stragrande maggioranza dei valori sono BEN al DI SOTTO degli eventuali limiti. Dunque?
    7) E se avessero cambiato TEMPO DI MISURA e DUNQUE LIMITE MASSIMO?

    E questa sarebbe l'INFORMAZIONE che date? E questa sarebbe la LOTTA di Anonymous e dei gruppi ambientalisti? Con questo livello di DILETTANTISMO ED IGNORANZA?

    Fa benissimo a rimanere Anonymous....pensa che figuraccia.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo post meriterebbe una risposta!

      Elimina
    2. in effetti.. non ha tutti i torti

      Elimina
    3. però è rimasto anonimo anche lui...

      Elimina
    4. Però si sente che è contrariato da questa iniziativa, ma si comporta come l'avvocato difensore. Allora questo Signore contribuisca a migliorare l'indagine visto che è nell'interesse di tutti e nella salute anche della sua famiglia. ( o vive nelle Maldive?)

      Elimina
  7. continuate così!!
    potete per caso fare la stessa cosa con l'acciaieria arvedi di cremona, li c'èp un'ILVA in miniatura

    RispondiElimina
  8. braviiiii,braviiiiii,siete GRANDIIIII!Grazie,Anonymous,per quello che fate.VIVA ANONYMOUS

    RispondiElimina
  9. Grazie per la possibilità di postare un commento!

    BEN FATTO! Questo vuol dire proseguire in linea democratica. Tutti hanno diritto di sapere rischi e pericoli e non solo le questioni positive. Non lo fa quello "stato" di malviventi? Lo fa la gente imbestialita che non ne può più.

    @Anonimo19 agosto 2012 06:03: stai tranquillo che chi capisc3 qualcosa da quei dati, c'è, e a breve uscirà la specifica di cosa è riportato, ma in modo leggibile a tutti.
    Non denigrare Anonymous perché il lavoro fatto è valido, anzi di più!
    Se ti ritieni meglio, perché non lo dimostri? A parole sono tutti bravi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono "Anonimo19 agosto 2012 06:03", ma mi sento di rispondere ugualmente.

      In base a che criteri si può ritenere un lavoro valido?

      I dati riportati (parziali, senza unità di misura, che apparentemente non c'entrano niente col furano) non giustificano l'ipotesi del post.

      Sebbene io nutra il massimo rispetto per l'attività di Anonymous, ritengo che i dati vadano analizzati con criteri di maggiore scientificità e magari integrati con ulteriori serie temporali prima di trarre conclusioni.

      Accettare acriticamente un'ipotesi è uno sbaglio. Metterla in discussione invece è vera scienza e vera democrazia.

      S

      Elimina
    2. La maniera migliore per affossare un'iniziativa è proprio quella di farla aparire priva di criteri scientifici e priva di dati comprensibili a tutti. Qui non siamo chimici e studiosi degli inquinanti, ma cittadini che pretendono, in nome della propria salute e quella dei propri figli, che chi sa parli e non si nasconda dietro strane pignolerie.

      Elimina
  10. siete grandissimi con il vostro lavoro aiuterete a cambiare le cose!!!
    ora sempre resistenza NO TAV valsusa!!

    RispondiElimina
  11. Ottimo lavoro!
    Che ne pensate di farlo apparire sulle prime pagine online dei maggiori quotidiani italiani?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona idea anche questa...

      Elimina
    2. Per il momento gli unici due giornali che hanno pubblicato/diffuso la notizia sono: Giornalettismo ( www.giornalettismo.com/archives/455577/i-dati-segreti-dellilva-finiscono-online/ )e L'Impronta ( http://www.improntalaquila.org/2012/ilva-anonymous-svela-linfrazione-dei-limiti-di-emissione-di-sostanze-43889.html )

      Elimina
  12. semplicemente Grazie per la vostra informazione. Vorrei che qui, nella mia Puglia non si debba scegliere tra morire di fame o di malattia... vorrei che la regione non avesse deciso di costruire uno scarico a mare lungo la marina del mio paese Manduria(TA), per inquinare il mare dove sono cresciuta. Vorrei anche che ci fosse più gente come voi, gente a favore della vera informazione. Vorrei un mondo migliore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiedilo all'ex Direttore ILVA che vive a Manduria e fa il bagno in quel mare.

      Elimina
  13. Un altro problema della Puglia è anche la centrale di Cerano. Sarebbe interessante conoscere i dati di un altro fenomeno che attanaglia la popolazione pugliese.

    RispondiElimina
  14. BRAVI! Ben fatto l'attacco a certi siti in UK. Sappiamo come la pensa l'Inghilterra delle parrucche, quindi è giusto tentare almeno di fermare l'azione che vorrebbero portare contro Assange.
    http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/daassociare/2012/08/16/ASSANGE-ECUADOR-DENUNCIA-MINACCE-SCONTRO-LONDRA_7345714.html

    MAI potrò credere che Julian sia colpevole di tale atto; le due tipe sono state sicuramente messe là per apportare danno a Wikileaks, sono due infiltrate e pagate!
    Avanti così che è la direzione giusta!

    RispondiElimina
  15. Provate ad andare a controllare anche i dati delle emissioni dell'inceneritore di Brescia oppure i dati sulla qualità dell'aria delle centraline delle varie Arpa in giro per l'Italia...

    RispondiElimina
  16. Risposta ad: Anonimo19 agosto 2012 06:03

    Scusa sai, ma ti sei mai chiesto come mai ad un magistrato gli viene in mente di bloccare un azienda come l'Ilva. E' meglio partire dunque dal presupposto (da "verificare) che l'Ilva qualcosa di sbagliato ha fatto. Lo sanno tutti ormai, non ci sono dubbi a riguardo. Anonymous sta semplicemente cercando altri dati che possano avvallare il lavoro che altri hanno già fatto (la magistratura, la quale non sembra avere molti dubbi a riguardo). Oltremodo, chi opera nel settore industriale (ingegneri etc) sanno bene (ma ciò è ufficioso) che solo 1 azienda su 100 in Italia rispettano le normative ambientali. Ricorda che vivi in uno Stato nello Stato, capace anche di mettere a tacere un magistrato onesto e coraggioso. Le stesse persone che fanno questo sono le stesse che hanno consentito che sotto Napoli venissero sotterrate quantità ingenti di rifiuti tossici. Siamo in Italia. Tutta la precisione che tu ritieni opportuna non è assolutamente necessaria. L'ilva si è già sputtanata a prescindere ... ed ora dovrà tirare fuori un sacco di miliardi per mettere apposto tutto. Cosa? Abbiamo bisogno dell'avvallo di Anonymous per confermare il lavoro di un magistrato? Non credo. Anonymopus ha solo diffuso dei dati cercando di dare la propria versione dei fatti. I dati sono a disposizione di tutti. Che ognuno faccia i propri conti con le unità di misura etc etc. A me sembri tu il dilettante nella vita. Tanto saccente in merito alla chimica, ma veramenete addormentato per tutto il resto. Infondo si sà ... l'Italiota dorme (sempre).

    RispondiElimina
  17. Aiutateci....stiamo morendo.....pubblicate qualche dato.....qualcosa perchè la situazione a Taranto è gravissima e continuiamo a morire.....

    RispondiElimina
  18. Anonymous = STRAORDINARI

    RispondiElimina
  19. Ottimo.continuate così

    RispondiElimina
  20. qui ;DD (a buon intenditore poche parole)

    RispondiElimina
  21. http://fintatolleranza.blogspot.it/2012/10/monti-leuro-e-il-golpe-finanziario.html

    RispondiElimina
  22. Scusate non è che riuscite a repereire i dati in particolare i tracciati dell'INGV relativi al terremoto in Emilia? Sembra che il terremoto del 20 sia stato indotto. Purtroppo mi è arrivato il sismogramma dalla sloveia ma non so fino a ch epunto è vero.

    RispondiElimina