domenica 8 aprile 2012

www.fimi.it DATABASE HACK3D #anonymous #opitaly






DATABASE: http://pastebin.com/SNWs24S6



Salve FIMI e case discografiche italiane,
in questa data così particolare per le ricorrenze della Chiesa Cattolica, il nostro pensiero è rivolto a voi.
Vi ricordiamo che il "male" della musica italiana non è rappresentato dal web in sè, bensì dal business che tentate di nascondere dietro ogni qualsivoglia tipologia di evento da voi organizzato.
Pagare 19 € per il CD orginale di un artista, 99 cent. per ogni singolo brano su Itunes o 60 € per il biglietto di un concerto è un furto legalizzato.
Vi ricordiamo che il nostro denaro dovrebbe essere impiegato nell'ambito di un' economia etica ed equa che permetta uno sviluppo genuino dell'ambito musicale.
 Al contrario, apprendiamo con rammarico che gli operai addetti all'allestimento delle strutture dei concerti sono in larga parte assunti in nero, senza nessun tipo di tutela nè garanzia alcuna. Tutto ciò è spesso teatro di disgrazie delle quali voi stessi siete complici.
Con quale coraggio osate parlare di legalità, avidi profittatori?
Sarebbe auspicabile fornire agli utenti la possibilità di ascoltare gratuitamente i brani, valutarli ed esprimere, così,un parere in modo genuino e svincolato dalle logiche degli introiti.
Vi indignate nei confronti di chi promuove il libero scambio dei prodotti mediali e riversate le vostre frustrazioni sul popolo del web, dopo aver sfornato centinaia di pseudo artisti con la complicità delle trasmissioni televisive, provocando altresì la saturazione del mercato discografico e dei palinsesti.
Recitate la parte dei moralizzatori, prodigandovi in ammonimenti contro una condivisione da voi definita impropriamente illegale, ma forse dimenticate lo sperpero di denaro che si nasconde dietro l'organizzazione di eventi sfarzosi e iper pubblicizzati ma poveri di contenuti culturali, quali il Festival di Sanremo: un'accozzaglia di interessi economici celati sapientemente dietro la parola Arte, manovrata da speculatori che traggono buona parte dei loro profitti dal pagamento del Canone.
Vi chiediamo chiarimenti in merito alla presenza di personaggi (in un contesto che dovrebbe fornire risalto esclusivamente agli Artisti ed ai testi presentati) che si discostano dall'ambito dell'accezione più genuina della musica italiana; ci riferiamo a Morandi, Belen, Canalis e, in generale, all'apoteosi del trash che, in concomitanza allo sperpero di denaro pubblico, fornisce risalto ad un evento che privo di orpelli mostrerebbe ciò che realmente è: l'icona dell' Italietta nazional popolare.
E' ingiusto pagare prezzi spropositati per prodotti culturali utili all'accrescimento dell'Individuo e, più in generale, necessari al consolidamento dell'Intelligenza collettiva.
 La sete di introiti vi ha resi incapaci di comprendere che la libera condivisione è una cassa di risonanza che non solo fornisce risalto ai prodotti mediali, ma consente di migliorarli, essendo libera da logiche profittuali e fondata sulla valutazione disinteressata dei fruitori. 
Noi continueremo a portare avanti una battaglia in difesa dell''economia etica, della libertà della condivisione e della salvaguardia della cultura, la quale deve essere svincolata da questioni meramente commerciali. Non riuscirete a contaminare l'Arte con losche manovre volte a mitigare la vostra implacabile sete di profitto. 
We are Anonymous
We are Legion
We do not forgive
We do not forget
Expect Us.

47 commenti:

  1. La soddisfazione è che dopo aver pubblicato il video antipirateria a questo indirizzo: http://www.youtube.com/watch?v=BbCq9BDMFyw&context=C4c433afADvjVQa1PpcFPVW-rVyQm-TZtFoo171IFVc0ml_UxlNxI=
    Siano di Più i NON MI PIACE che i MI PIACE
    è poi ricordatevelo che gli artisti di certo non voglio limitare il diritto d'espressione sul web MA FATEMI IL PIACERE

    NO ACTA!

    Firmate Questa Petizione è Urgente http://www.avaaz.org/it/acta_time_to_win_eu//?cl=1638913509&v=13023

    Chiedo Appello ad Anonymous Per Diffondere Questa Petizione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La colpa non è degli artisti, bensì delle case discografiche e dei produttori che li manipolano a loro piacimento a scopi di lucro.
      Guardate il caricatore del video e chi ha collaborato alla realizzazione: Confindustria Cultura Italiana, Federazione Autori, Federazione Antipirateria e SIAE Società Italiana Autori Editori.

      Elimina
    2. http://www.avaaz.org/it/stop_cispa/?slideshow

      C'è anche questa!

      Elimina
  2. Firmate http://www.agoradigitale.org/acta1
    No Acta!

    RispondiElimina
  3. Ora C'è Qualcosa Di Più Pericoloso Che Affligge La Rete L'ACTA Per Favore Anonymous In Nome Del Diritto D'Espressione Fermate L'ACTA A Suon Di DDOS E Attacchi Hacker

    RispondiElimina
  4. Adoro la solennità della vostra firma! ;) continuate così, siete forti!

    RispondiElimina
  5. I diritti d’autore non devono essere pagati dagli utenti, il prezzo sopra è un insulto!
    Come in Star Trek i soldi non devono esistere perché la cultura deve essere liberamente fruibile, solo preservare l’integrità dell’opera, i credits agli autori, questo certo si. Si possono trovare compensi alternativi per i creatori, volendo, come sempre.
    E poi via gli intermediari: dall’autore al fruitore, per direttissima.
    Buona giornata da A (che però si legge V come Volontà)

    RispondiElimina
  6. Vi voglio in politica!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nn hai capito un cazzo allora!!!

      Elimina
  7. Continuate cosi, c'e' tanto male in giro..facciamo svegliare la gente perchè non sanno in che mondo viviamo!

    RispondiElimina
  8. Mi piace molto ANONYMOUS e' da un po' che vi seguo e devo dire CONDIVIDO in pieno le VOSTRE azioni che a mio parere sono GIUSTE ma non VIOLENTE tendenti solo a lanciare un messaggio o a far luce su un problema o su un soppruso spero che sempre piu' gente vi segua e questo(prima o poi) ci unisca in MANIFESTAZIONI assolutamente PACIFICHE e mai VIOLENTE per far VALERE i nostro DIRITTO alla CULTURA al LAVORO e alla GIUSTIZIA diritti ormai da da troppo tempo NEGATI a causa di politici FANNULLONI LADRI RACCOMANDATI PROSTITUTE forza ragazzi la strada e' lunga ma il sentiero e'TRACCIATO

    RispondiElimina
  9. Grandi! E per una volta non è iniziata una flame war in proposito...
    (Per la cronaca: lo sapevate che statisticamente coloro che scaricano *illegalmente* materiale multimediale da internet sono in realtà i migliori clienti delle case produttrici? Hanno una conoscenza migliore dei prodotti, e quando vogliono acquistano anche di più...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la svizzera lo s'ha bene, l' il p2p è assolutamente legale

      Elimina
  10. Hackerate il sito del DPA (dipartimento per le politiche antidroga) e mettete dei video in cui si dimostrano i benefici antitumorali della cannabis.Sono stufo di vedere gente arrestata per una piantina!Continuate così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda che i "benefici" antitumorali sono uguali a quelli della morfina! Anti-dolorifico! Se si viene arrestati per una piantina, è perchè la legge lo prevvede! Può essere poi condivisibile o meno! Uan cosa però ci tengo a precisarla: la gente la piantina la vuole per fumarla, i benefici farmaceutici sono solo la scusa per giungere al fine! Saluti..... un medico!

      Elimina
    2. e quindi?? se anche fosse?? ci vendono cose che ci ammazzano e poi si preoccupano del fatto che la cannabis possa farci male!!!
      La questione è che ci preferiscono malati di tumore per venderci le medicine e proibirci una pianta che è risolutiva in mille cose!!!

      Elimina
    3. Non esiste la risoluzione a niente! I farmaci come anche l'erba sono solo placebo! Capisci che la medicina e la farmacia non hanno mai fatto un passo avanti? Suiamo in continue ricerche...di soldi...per il cancro, l'ail, ecc, ecc. Capisco cosa vuoi dire, certo, siamo schiavi di sostanze nocive. Anche in quello che mangiamo ci sono sostanze nocive, ma nessuno fa nulla e il biologico non piace alla gente. Certo, sarei anche io d'accordo con te se l'erba facesse miracoli. Ma mi chiedo perchè proprio la cannabis e non la valeriana o la calluna vulgaris? A me sa sempre di un pretesto per averla legale e fumarla! Inoltre mi chiedo se, ci siano veramente dati che confermano i benefici! Corregetemi se sbaglio

      Elimina
    4. Magari rimandate questa discussione a più tardi... In fondo questo post è su temi relativi al copyright... Avrete più avanti modo di discutere sulla questione restando in tema, visto che Anonymous ha iniziato una campagna sulla legalizzazione.
      (Favorevoli o meno, discutiamone altrove)

      Elimina
  11. Ste teste di cazzo della FIMI mettono sezioni antipirateria e parlano del fenomeno. Ma se uno non può permettersi un CD come cazzo deve ascoltare la musica!?!?! Questa è la domanda che voglio fare loro!!

    RispondiElimina
  12. Da hacked... sono sempre con voi.

    We are Anonymous
    We are Legion
    We do not forgive
    We do not forget
    Expect Us.

    RispondiElimina
  13. dire bravi al gruppo anonymous e dir poco volevo dire la mia anonymous invece di oscusare per qualche minuto ore questi siti cancellateli completamente cosi ci si da una bella lezione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo tu sia leggermente confuso..
      Non sono nè un esperto informatico nè un anonymous ma credo che cancellare un sito come dici tu sia molto, molto, diff..impossibile.
      Comunque se non hai compreso, questa volta non hanno effettuato un attacco D/Dos ma sono riusciti ad entrare come root(amministratori) del sito e hanno fatto un backup del database.
      Se infatti vai sul sito FIMI in area soci noti che sono in manutenzione.
      Ottimo lavoro Anonymous

      Elimina
    2. Si, è sostanzialmente corretto quanto hai detto. Col DOS/DDOS non accedono veramente al sito, si limitano non rendere più disponibile il server... lo fanno "crashare" in parole povere.
      Con altri tipi di attacchi si può entrare nei database e ricavare tutte le informazioni che si vuole, perfino i dati dell'amministratore. Entrando come amministratore si può fare praticamente tutto quello che si vuole del sito... Comunque se chi gestisce il sito non è un idiota completo ogni modifica, anche la più distruttiva possibile, può essere corretta nel giro di non troppo tempo. Ma, sottolineo, dipende dalle capacità delle due fazioni in gioco :)

      Elimina
  14. Da quel che leggo sembra siate dei bravi ragazzi...ma allora..perchè non lasciate il campo ai veri pirati? Chi detiene il potere economico e politico emana leggi....alcune possono essere condivisibili..altre no, quindi si trova il modo per aggirarle.Non è che sia una novità nella storia degli uomini!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma cosa significa ????

      Elimina
  15. non dimentichiamoci della siae che oltre a prendere soldi per i diritti intascano anche quelli di ogni singolo locale che organizza eventi... per non parlare dei controlli a tappeto che sono stati fatti a dj sequestrando addirittura tutta l'attrezzatura solo perchè sul pc del dj sono stati trovati mp3 "illegali"

    RispondiElimina
  16. Ragazzi, ma avete visto! Dobbiasmo pagare i diritti anche sui film muti degli anni 20! Ma è mai possibile? Ho sempre detto che paghiamo un canone televisivo, che aumenta sempre più in maniera proporzionale alle schifezze che trasmettono. Di questi tempi, dove stanno venendo a galla come trote, ahahahah, è bene che tutti si ritirino e vadano a fare lavori onesti!

    RispondiElimina
  17. Il belllo che il sito è ancora vulnerabile ;)

    RispondiElimina
  18. Tutto il mio sostegno!

    RispondiElimina
  19. SI73NTES IMMERSION ***!!***

    RispondiElimina
  20. APPELLO A TUTTI GLI ITALIANI ED ANCHE AGLI HACKER

    Da quando Monti è arrivato al governo guardate quante persone si sono suicidate perchè non hanno lavoro QUESTA è L'ITALIA cazzo ribelliamoci da sti cazzo di politici fotti soldi
    ‎http://pastebin.com/FDAPKQVK

    RispondiElimina
  21. Io credo che l'artista deve essere libero di decidere se il suo operato deve essere pagato TOT oppure se intraprendere strade diverse. E' inutile che ve la prendiate col sistema discografico e della produzione, nessuno obbliga gli artisti a scegliere tali strade. Sono loro i primi a voler guadagnare e vivere del loro lavoro. Se un artista vuole una strada alternativa è libero di sceglierla. Ma non siete certo voi che potete decidere di che artista è l'opera che deve essere "di pubblico dominio" o quale no. Sempre IMHO!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora io ho fatto il dj per un periodo e volevo vendere cosi il mio cd con canzoni remixate ecc durante la festa padronale e non lo potuto fare perchè mi imponevano di pagare una tassa su una canzone MIA fatta da me per pochi soldi quindi non penso siano proprio liberi

      Elimina
  22. Più mi informo su di voi, più mi rivedo nelle vostre idee. Avete tutta la mia stima.
    Anche se secondo me buttare giù il sito di certe istituzioni non faccia ribaltare dalla sedia le persone importanti di tali istituzioni, condivido in tutto e per tutto ciò che fate, le dimostrazioni che date a chi va contro il bene del popolo. Perchè chi sbaglia DEVE pagare, certe cose non sono ammissibili.

    RispondiElimina
  23. Io ultimamente ho scaricato GRATIS i dischi di Miles Davis; Talking Heads; John Coltrane; Cocteau Twins; Half Japanese e il GRANDISSIMo Pop Group: Capolavori della musica del secolo scorso: un grazie infinito a tutti i seeders e un vaffanculo siderale a tutte le majors

    RispondiElimina
  24. Siete grandi
    Continuate così.........

    RispondiElimina
  25. non avrei saputo dirlo meglio. grazie delle parole!

    RispondiElimina
  26. Sono musicista, approfitto dell'articolo per fare alcune considerazioni al riguardo.
    In alcuni punti sono d'accordissimo con voi, l'arte ormai e' manipolata dai media, solo loro decidono chi puo' o non puo' esprimersi. Chiaramente tutto dipende dalla richiesta, e la richiesta, cari concittadini, siamo noi. Se in televisione o in radio passano solo fighe colorate o musica neomelodica e' perche' e' a noi che piace cosi'. Siamo noi a creare visualizzazioni, e visualizzazioni equivalgono a denaro ecc ecc.

    "Sarebbe auspicabile fornire agli utenti la possibilità di ascoltare gratuitamente i brani, valutarli ed esprimere, così,un parere in modo genuino e svincolato dalle logiche degli introiti." Ok visto dall'esterno potrebbe sembrare una cosa giusta, corretta, IDEALE. Ma noi di cosa dovremmo campare? Di corde e legno. C'ho provato, il legno e' particolarmente indigesto.

    In conclusione, vorrei RINGRAZIARE le ETICHETTE DISCOGRAFICHE, che, aldila' della speculazione, danno un'opportunita' a noi, poveri disgraziati che non sappiamo fare altro che picchiare su dei tamburo o pizzicare corde.
    We are Musicians
    We are Art
    We do not forgive
    We do not forget
    Expect Us.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ringraziamo le etichette discografiche che in nome delle "visualizzazioni", come le chiami tu, decidono che la tua musica non ha abbastanza pubblico per essere prodotta...quindi cosa dovremmo fare? Allinearci e ringraziare? Mah, che discorsi del cazzo...

      Elimina
  27. Cazzo siete grandi!

    RispondiElimina
  28. Salve a tutti,
    Sono un piccolo cantautore italiano e leggendo questo post mi trovate daccordo in parte con le vostre azioni, è verissimo che dietro ad ogni genere di manifestazione (soprattutto Sanremo) ci siano altissime speculazioni dal "pagamento" del posto per esibirsi ad ogni altro tipo di porcheria che viene giustificata miseramente da chi vive a discapito dell'arte in generale. Tuttavia come musicista non trovo giusto il fatto di dover far scaricare GRATUITAMENTE un lavoro costato anni di sacrifici in termini anche economici (pagare chi lavora per te è una cosa normalissima ci si specializza in vari campi musicali e non per poter campare e purtroppo nel sistema attuale il danaro è ciò che ti aiuta a portare a casa un po di pane), quello che si può fare è rendere ad esempio FREE degli assaggi di 30 / 60 secondi ciascuno ogni brano contenuto in un Album (una strofa e ritornello sono piu che sufficenti per giudicare un lavoro)e tenere basso il prezzo di Vendita (Sproporzionatissimo per quello che sono i reali costi di Produzione di un disco ai giorni d'oggi)un CD venduto a 20 € quando potrebbe essere venduto a 10 con ricavi per tutti è Veramente un furto legalizzato.
    Fortunatamente non Tutti (major a parte) speculano sul lavoro della gente e ci sono delle ETICHETTE INDIPENDENTI che offrono tante possibilità ai giovani spesso accollandosi loro tutte le spese dovute o a volte proponendo un 50 e 50 dividendo ovviamente i ricavi.
    Focalizzare il Punto è ciò che bisogna fare e non fare di tutta un'erba un fascio. Il prezzo di 80 cent o 1€ per chi scarica musica LEGALMENTE è a mio parere il giusto prezzo per chi ha lavorato ad un brano e per chi lo ha creato. Un album di 10 tracce ad 80 cent/€ costerebbe solo 8€ e non 20 o meglio 19,90€. Per il Resto Siete Grandi!!
    Alessandro

    RispondiElimina
  29. p.s. Per quanto riguarda le tasse che la S.I.A.E. impone mi trovo concorde al fatto che siano una Società Italiana Anti Espressione pagare una tassa a loro per un MIO BRANO è ASSURDO come trovo assurdo dover pagare 100€ l'anno per ricevere NULLA nonostante i vari Borderò compilate in centinaia di serate fatte PAGANDO REGOLARMENTE le tasse che tale società impone!!!!
    Sterminateli!!!

    RispondiElimina
  30. Hi
    Il blog ufficiale di Anonymous Italia
    This is really a thought provoking write up for the content writers. Proceed posting such wonderful articles!
    With Best Wishes
    bedroom | sofa | kitchen | bathroom | living room

    RispondiElimina